Seleziona una pagina

CANDIDATURE SPONTANEE: COME GESTIRLE?

26/08/2020

Linkedin introduce i video di presentazione nelle offerte di lavoro

Quasi tutte le aziende hanno un sito carriera dove i candidati possono accedere alla lista delle posizione aperte e candidarsi all’offerta a loro piacimento. Ma che dire del candidato che, pur volendo entrare in un’azienda, non riesce a trovare l’offerta che fa al caso suo o, più spesso, si trova a dover sfogliare decine di pagine per trovare la posizione dei suoi sogni?

Mentre alcune aziende offrono ai visitatori del loro sito carriera la possibilità di inviare una candidatura spontanea, purtroppo poche hanno un processo efficace per gestirla correttamente una volta ricevuta. Naturalmente, la priorità è data alle candidature per le posizioni aperte in cui il bisogno di personale è chiaramente definito e immediato.

Eppure, secondo uno studio, ben il 62% dei candidati invia una candidatura spontanea, una modalità preferita soprattutto dagli under 25. Ed è facile capirne il motivo: perché dovrebbero privarsi della possibilità di candidarsi in aziende per cui hanno un reale interesse?  Presentando una candidatura “testimonial” che esalta la loro motivazione, si affidano all’azienda per identificare la posizione che corrisponde al loro profilo..

Ed è qui che nasce il problema. Il sistema tradizionale di gestione delle candidature è progettato per trovare candidati adatti alla posizione, non il contrario!

Con questo metodo obsoleto, però, le grandi aziende perdono, ogni anno, un grande numero di candidature qualificate che non sono state integrate nel sistema di gestione standard. Le piccole e medie imprese si districano meglio su questo tema, in quanto la loro dimensione consente di individuare rapidamente se un CV ricevuto può essere di interesse per l’azienda. Ovviamente questa gestione manuale non è fattibile quando si ricevono centinaia di migliaia di CV all’anno.

 

Delle soluzioni esistono.

La nostra soluzione HRMatch Candidates consente ai candidati di caricare il proprio CV sul sito di carriera di un’azienda e di ottenere immediatamente un elenco delle posizioni aperte corrispondenti al profilo. Questo sistema aiuta anche a trattare al meglio le candidature spontanee.

HRMatch verifica la corrispondenza tra un CV ricevuto e le posizioni aperte sul sito carriera.

Grazie alla tecnologia del matching, tutti i criteri del CV vengono analizzati per individuare se corrispondono alle esigenze della job description pubblicata.

A parità di formazione ed esperienza, un CV inviato spontaneamente otterrà una classificazione migliore di un CV ricevuto da un candidato che ha semplicemente risposto a un annuncio.

Se corrisponde a quello che cercano gli HR, questo profilo sarà trattato come un “lead” nell’ATS: sarà “in cima alla pila” per almeno 30 giorni.

Un modo molto efficace per i grandi gruppi di dare finalmente una possibilità ai candidati più motivati!